Autori

Matthew Licht 

Autori

È uno dei pochi scrittori che hanno collaborato sia a L’Ora di Palermo e al New York Times che alle riviste JUGGS, SCREW e LEG SHOW. E’ stato anche consulente al programma “America Coast-to-Coast”, su RaiTre.

Ha pubblicato racconti sulle riviste Ambit, Litro, Osmos, Tom’s Voice, e The Loiterer. Un suo romanzo in italiano, “Soli adulti”, è candidato al Premio Calvino 2016. I suoi libri, “The Moose Show” e “Justine”, “Joe & The Zen Garbageman” (Salt Publishing, Cambridge, 2007 e 2014), furono candidati al Premio Frank O’Connor, il più ricco per le raccolte di racconti.

In collaborazione con l’artista americana Rita McBride, ha pubblicato CRIMEWAYS, un romanzo a diverse mani sul tema del terrorismo estetico. Nel 2010 è stata pubblicat “Westways”, un’altra collaborazione con la McBride, con come soggetto la vita amorosa della stella cinematografica statunitense Mae West.

Matthew Licht è l’autore della trilogia noir “World Without Cops” (Mondo senza poliziotti). I suoi altri romanzi sono: “The Crazy House Gag”, una ricerca sull’essenza della comicità; “North Hollywood Left”, le vicende di un attore porno al tramonto della sua carriera; “The Withering Fire”, cronaca di una difficile disintossicazione a tre da una droga considerata leggera.

Ha pubblicato in Italia le raccolte di racconti “Blues per Adulti, Blue Jazz” (entrambi di Blue Joint Edizioni) e Sognilandia (Otto luogo dell’arte, 2011). Collabora regolarmente con le riviste letterarie A few words e Stanza 251.

Matthew Licht è anche regista di cinema underground. I suoi film sono: Dirty Singing (1997), The Snatcher at the Y (2001), Kevin Kline & 1/2 (2003), Bean Dip/Bean Trip (2004) e Odessa Tarzan (2005). Tutti questi film sono stati presentati a diversi festival e rassegne negli Stati Uniti. Sono in rotazione sul Canale J di New York.

Vive in Italia dal 2005.

Va parecchio in bicicletta.

Giovanni Maccari Autori

Giovanni Maccari, professore e saggista, ha scritto su autori italiani tra i quali Giuseppe Pontiggia, Guido Piovene, Tommaso Landolfi, di cui ha curato “Diario perpetuo” (Adelphi, 2012), “I russi”(Adelphi, 2015), “Racconti impossibili” (Adelphi, 2017).

Negli ultimi anni si è occupato di letteratura russa: di Anton Cechov ha curato il volumetto “La lettura – Kaštanka” (traduzione di Tommaso Landolfi, Adelphi, 2012); l’edizione del racconto “Nemici” (traduzione di Leone Ginzburg), presso Note Azzurre, collana in ebook dell’editore Quodlibet e Marco Polo di Viktor Šklovskij (Quodlibet, 2017).

Ha pubblicato i romanzi “Gli occhiali sul naso. Vita romanzesca di Isaak Babel e dei suoi anni tempestosi” (Sellerio, 2011) e “Vita di Lidia Sobakevič” (Pendragon, 2015).

Isacco Turina

Sociologo e poeta, Isacco Turina è ricercatore in Sociologia dei processi culturali presso l’ Università di Bologna.

Si occupa da anni di etica e di religioni. Fra le sue pubblicazioni ricordiamo “Chiesa e biopolitica. Il discorso cattolico su famiglia, sessualità e vita umana da Pio XI a Benedetto XVI” (Mimesis, 2013), “I nuovi eremiti e la fuga mundi nell’Italia di oggi” (Medusa, 2007).

Di recente pubblicazione la raccolta di poesie “I destini minori” (Il Ponte del Sale, 2017).